De Toni Elisabetta


Elisabetta De Toni si è laureata in Filosofia presso l’Università degli Studi di Milano e in Lettere presso l’Università degli Studi di Bergamo con una tesi sugli oggetti della memoria nella Recherche du temps perdu di Marcel Proust. Sempre presso l’Università degli Studi di Bergamo, nel 2011 ha conseguito il dottorato di ricerca in Teoria e Analisi del Testo con una tesi sull’immaginario del collezionismo che si propone di ripercorrere dal Quattrocento, il sorgere e lo svilupparsi di un’idea di collezione che giunge fino ai giorni nostri. Dal 2011 al 2013 è stata titolare di un assegno di ricerca triennale nell’ambito della Dote Ricercatore della Regione Lombardia con un progetto dal titolo “Storia e immaginario delle raccolte d’arte. Collezionismo pubblico e privato: aspetti storici, artistici, giuridici”. Privilegiando le strutture e le tematiche dell’immaginario nell’ambito dell’antropologia, delle letterature e della cultura visiva, la sua attività scientifica si è concentrata sul tema delle Wunderkammern.
Dal 2011 è socia dell’associazione italiana di francesistica “Seminario di Filologia Francese”.
Attualmente si occupa di storia della moda e del costume nell'ambito del progetto di ricerca ARTE|MODA ARCHIVE del Centro Arti Visive dell’Università degli Studi di Bergamo, progetto di cui è responsabile esecutiva.
Dal 2014 al 2018 è inoltre coordinatrice responsabile della rivista online Elephant&Castle
Fra le sue pubblicazioni: L’immaginario del collezionismo, Bergamo, Sestante, 2010; "Meraviglie del mondo vegetale. Il teatro della natura nella Wunderkammer" (Elephant&Castle, n. 3, 2011); "Casanova, le plaisir de la dépense", in Michel Delon (dirigé par), Largesse de Casanova, Cahiers de littérature française, XI, Bergamo-Paris, Sestante-L’Harmattan, 2011; "L’Hôtel della Païva, le fantasmagorie dell’intérieur di una cortigiana" (Elephant&Castle, n. 8, 2014); "Collections et collectionneurs" (Le Magasine du XIX siècle, n. 4, 2014); commento delle opera del contesto in Massimiliano Capella, Iacopo Palma e la moda italiana del Rinascimento, Bergamo, Grafica & Arte, 2015. 


Saggi

Meraviglie del mondo vegetale. Il teatro della natura nella Wunderkammer (Natura e metamorfosi)


L’Hôtel della Païva, le fantasmagorie dell’intérieur di una cortigiana (Le incantatrici)


Editoriale (Linee della Moda)