Illarionova Elizaveta


Elizaveta Illarionova è nata nel 1986 a Mosca (Russia). Si è laureata nel 2012 in Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Milano con una tesi dal titolo “(In)traducibili giochi di parole: le lingue inventate come sfida alla traduzione”, dopo aver trattato, nella tesi triennale, l’attività critica e didattica di Vladimir Nabokov. Attualmente è al secondo anno del dottorato in Letterature euroamericane presso l’Università degli Studi di Bergamo e si occupa delle variazioni primonovecentesche sulla forma metrica del sonetto in Italia e Russia. I suoi interessi comprendono la critica letteraria, la stilistica, le forme metriche, la traduzione poetica e il nonsense, nell’ambito della letteratura italiana e russa, ma anche in altre letterature europee. Dal 2009 fa parte della redazione della rivista «Enthymema», per la quale ha tradotto negli anni diversi saggi di Ol’ga Slivickaja, dedicati prevalentemente all’antropologia letteraria di Lev Tolstoj.


Saggi

«…E per l’identità che è tra il fluire…»: la fusione con la natura nei ‘sonetti capovolti’ di Nino Oxilia (Le emozioni)