Locati Stefano


Dottorando in “Letterature e media: narratività e linguaggi” all'Università IULM di Milano con un progetto di ricerca sulla transmedialità nel cinema giapponese contemporaneo dal titolo “Culture giovanili e narrazioni espanse. Il contesto transmediale giapponese del nuovo millennio”. È laureato in Filosofia e ha un master in Comunicazione scientifica presso l’Università degli Studi di Milano. È autore dei volumi monografici Evolution. Darwin e il cinema (Le Mani, 2009), con Elena Canadelli, e Il nuovo cinema di Hong Kong. Voci e sguardi oltre l’handover (Bietti, 2014), con Emanuele Sacchi. Ha partecipato a diversi volumi collettanei, tra cui Patrick Tam. Dal cuore della New Wave (Cec, 2007), Non è tempo di eroi. Il cinema di Johnnie To (Il Foglio, 2008), Elephant Man. L'eroe della diversità (Le Mani, 2010), J-Cinema. Il cinema giapponese dal 2005 al 2015 (Simple, 2016). Ha contribuito con saggi a riviste accademiche e di critica cinematografica. Ha curato diverse rassegne e collaborato a festival come Asian Film Festival di Reggio Emilia e WA! Japan Film Festival di Firenze e Milano. È giornalista pubblicista e studioso di cinema asiatico.


Saggi

Giovani inquieti. Gli universi narrativi di Murakami Ryū e Iwai Shunji tra letteratura e cinema (Prospettive transmediali)