Mancini Maria Giovanna

maria.mancini@uniba.it


Storica e critica d’arte contemporanea, Maria Giovanna Mancini  è attualmente ricercatrice presso l’Università di Bari. È stata assegnista di ricerca presso l’Università degli studi di Salerno con un progetto dal titolo “Global Art History o Global History of Art? Questioni di metodo e prospettive per una storia dell’arte nell’epoca della globalità”. Nel 2013 ha conseguito presso l’Università degli Studi di Salerno il titolo di Dottore di ricerca con una tesi volta a ricostruire il dibattito critico animato dalla rivista "October". Ha insegnato presso le Accademie di Belle Arti di Urbino e Napoli.
Interessata all’arte pubblica, al ruolo della critica e della curatela nell’epoca della globalizzazione, ha pubblicato le monografie L’arte nello spazio pubblico (2011), "October". Una rivista militante (2014), A Picture of a Critical Practice. Conversation with Douglas Crimp (2016); tra gli articoli e i contributi in volume si segnalano: "Kabakov: la storia tra le cose, Steinbach: la vita pubblica degli oggetti Fiona Tan: collecting images, Il sistema Hirst", in Il Sistema degli artisti (2019); con Luigi Sauro, "A Conceptual Model for Art Criticism", in Zivot umjetnosti (2019); "Tra storia dell’arte e antropologia delle immagini. Hans Belting, interprete della Global Art History" in Annali di Critica d’arte (2017).
Nel 2017 ha curato la mostra documentaria Le carte del critico. Documenti e materiali dall'archivio di Filiberto Menna presso l’Archivio di Stato di Salerno. Dal 2013 è membro della Società Italiana Storia della Critica d’Arte.


Saggi

Soggettività ed empatia: il Museo delle Relazioni interrotte di Zagabria (Dove va il museo)